Babbaluci - Blog Sicily Tourist - SicilyTourist - Il Portale del Turismo in Sicilia -

SicilyTourist Il Portale del Turismo in Sicilia
Select your language:
Vai ai contenuti

Babbaluci

SicilyTourist - Il Portale del Turismo in Sicilia -
Pubblicato da in Ricette Siciliane ·
Tra giugno e luglio fa la sua apparizione nelle tavole dei siciliani, ma soprattutto dei palermitani, un particolarissimo alimento. Stiamo parlando di colei che è bandita da qualsiasi galateo perché si mangia con le mani, che ne risultano completamente imbrattate, e poi si succhia.... I BABBALUCI
I più raffinati, come i cuochi francesi, pur di non farsi scappare tale leccornia l'hanno nobilitata condendola con sfiziose salsine e ripini ricercati cosicché anche il suo nome, escargot, risulti d'alto rango. Ma gira che ti rigira, che sia grande o che sia piccola, bianca o striata, lei la regina delle serate estive in canottiera e pantaloncini, sempre BABBALUCI è! Per meglio comprendere l'amore che il palermitano nutre nei confronti di questo piatto basta ascoltare la somma filosofia locale che dice: “babbaluci a sucari e fimmini a vasari nun ponnu mai saziari” (lumache da mangiare e donne da baciare non saziano mai!).



Persino Giovanni Meli dedicò alla lumaca alcuni versi di cui riportiamo un estratto:
“Purtandusi la casa su la schina dui babbaluci all'umbra di una ferra, cu la vucca di scuma sempri china si ianu strascinannu terra terra”



L’origine della parola babbaluci deriva dall’arabo babush (lumaca) per la somiglianza del guscio alla scarpe orientali con la punta rivolta verso l’alto. Ancora oggi, le pantofole si chiamano babusce.
La ricetta più conosciuta è quella del Festino di Santa Rosalia tuttavia altre preparazioni suscitano l’interesse dei buongustai  come ad esempio “i babbaluci a picchi pacchio” con i pomodori pelati, e ancora con mollica o con un pesto di menta.



LUMACHE CON AGLIO E PREZZEMOLO

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
1 kg di lumache
5 spicchi d’aglio
Un mazzetto di prezzemolo
Olio extravergine d’oliva
Sale e pepe q.b.

PROCEDIMENTO:
Lavare accuratamente  le lumache in abbondante acqua corrente, quindi metterle in acqua in un grosso tegame del quale inumidirete i bordi per  impregnarli con il sale  (quest’espediente non permetterà alle lumache di fuoriuscire dal tegame). A questo punto mettere sul fuoco a fiamma bassa e non appena le lumache usciranno dal guscio aumentare la fiamma, aggiustare con un po’ di sale e portare a bollore. Far cuocere per una decina di minuti. Quindi sciacquarli in acqua corrente e mettere da parte.
Intanto preparare un soffritto con abbondante olio, l’aglio tagliato grossolanamente, (o semplicemente in camicia schiacciato) e il prezzemolo tritato. Aggiustare di sale e pepe e aggiungere le lumache risciacquate. Far cuocere, a fiamma moderata, per circa dieci minuti e servire spolverando con pepe e abbondante prezzemolo tritato.

Buon appetito




Nessun commento


eXTReMe Tracker

Ottieni sconti in tutta Italia
Tutto per il Marketing della tua azienda
Segnala Sicily Tourist ad un amico!
Inserisci l'indirizzo e-mail:

I NOSTRI PARTNER UFFICIALI:
Il Portale del Turismo in Italia
Sicilianet.net
Il primo motore di Ricerca Siciliano
Privacy Policy
Torna ai contenuti