Blog Sicily Tourist - SicilyTourist - Il Portale del Turismo in Sicilia -

SicilyTourist Il Portale del Turismo in Sicilia
Select your language:
Seguici anche su:
Vai ai contenuti

Hallington Siculo: Il giardino british di Taormina

SicilyTourist - Il Portale del Turismo in Sicilia -
Pubblicato da in Da Visitare · 9 Settembre 2019
E’ il 14 dicembre 1861 quando Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha, principe consorte della regina Vittoria muore di tifo lasciando la sua regale consorte nello sconforto che la porterà a indossare il lutto per il resto della sua vita. In seguito alla scomparsa del marito, la regina Vittoria fece una vita più isolata nella campagna scozzese di Balmoral. Qui, porto con sé una bambina di 9 anni e la madre anche se queste vivevano al di fuori del castello scozzese comprato dal principe Alberto, ma piuttosto nella residenza di Hallington.


La bimba era lady Florence Trevelyan, nata nel 1872, aristocratica terriera, possidente di beni ma non di titoli, fu dama di corte e poi dama personale della Regina Victoria.
La piccola Florence con la regina Vittoria, condivideva la passione per gli animali, come cani e uccelli e poi per la botanica e il ricamo con cui s’intrattenevano realizzando pezzi apprezzati come vere opere d' arte e ancora oggi esistenti a Londra.
La regina Vittoria prese con se Florence e la madre dopo la tragica morte del padre della piccola, morto suicida ma quando anche la mamma morì Florence andò a vivere al castello. Lady Florence era molto bella ed elegante e l’amicizia con la regina Vittoria cresceva coadiuvata da un profondo e sincero affetto, fino a quando fu accusata di avere una relazione adulterina con il figlio erede al trono d’Inghilterra.


Edoardo futuro re era sposato con la principessa di Grecia e Danimarca Alexandra (sorella di Dagmar madre di Nicola II zar di Russia, sorella di Giorgio I che fu padre di re Costantino I morto a villa Igea a Palermo)
Edoardo ebbe 5 amanti ufficiali ma le voci non fecero piacere alla regina Victoria che delusa allontanò da corte lady Florence che viaggiò per due lunghi 2 anni, Sicilia compresa, insieme alla cugina Harriet Perceval.
Quando rientrò in Inghilterra però, la Regina le diede tre giorni per lasciare definitivamente il paese senza dare scandalo. Florence così lasciò l’Inghilterra con destinazione la Sicilia.
Sbarcò a Taormina con 5 cani e ne fu affascinata. Un giorno uno dei cani si ammalò e non riuscendo a trovare un veterinario, si rivolse al dott. Cacciola medico di campagna la quale riuscì a guarire la bestiola. Il medico per molti anni fu anche sindaco di Taormina e dopo aver comprato alcuni terreni diede vita a un meraviglioso parco all'inglese con delle architetture particolari tra piccoli edifici, torrette e scale, noti come “victorian follies”, chiamò il giardino "Hallington Siculo" in ricordo della sua residenza inglese di Hallington.


Comprò la famosa Isola Bella, che era stata donata quasi cento anni prima da Ferdinando I di Borbone al sindaco di Taormina dell'epoca, e fece costruire una casa e intorno ad essa Florence cominciò a piantare cipressi, pini marittimi e piante rare. I versanti dell’Isola a quell’epoca erano brulli e lei riuscì a farne giardini rigogliosi, aiutata dai contadini del posto che seguirono il criterio del ‘giardino all’inglese’.

Fece costruire una grande villa che ospitò re e regine, illustri scrittori quali Wilde, Gozzano e D'Annunzio. Nel parco che circondava la casa accanto agli alberi locali e tipici quali i carrubi e i mandorli fece aggiungere quelli esotici provenienti dall'emisfero australe, piante non conosciute a Taormina come la bella Calliandra, che ha eleganti fiori di colore rosso vivo e le Bahuinia, arbusti che col tempo prendono le proporzioni di alberi detti anche ‘alberi delle orchidee’.


Ribattezzata donna Florence quando mori, il giorno del suo funerale, tutti gli abitanti di Taormina la accompagnarono, al suono di cornamuse nel suo ultimo viaggio verso la cima della montagna più alta di Taormina, perché donna generosa non solo verso la natura ma anche verso la gente del luogo cui regalava tutto ciò di cui avevano bisogno.
L'isola andò in eredità all'avvocato Cesare Acrosso, adottato dal marito di Lady Florence, fino al 1954. Dopo una intricata vicenda di fallimenti, donazioni e aste adesso la costruzione appartiene alla Regione Siciliana ed è regolarmente visitabile.



Nessun commento

eXTReMe Tracker

Segnala Sicily Tourist ad un amico!Inserisci l'indirizzo e-mail:


Siti Consigliati:

Torna ai contenuti