Blog Sicily Tourist - SicilyTourist - Il Portale del Turismo in Sicilia -

SicilyTourist Il Portale del Turismo in Sicilia
Select your language:
Seguici anche su:
Vai ai contenuti

Corleone e la cascata delle due rocce

SicilyTourist - Il Portale del Turismo in Sicilia -
Pubblicato da in Da Visitare · 1 Marzo 2019


Quando nel 1972 il film “Il padrino” ebbe un enorme successo a livello mondiale incollando allo schermo dei cinema milioni di persone, uno dei nomi che rimase impresso nella mente fu quello di Don Vito Corleone. Contestualmente prendeva vita o meglio si rafforzava il mito del capo famiglia mafioso che tutti rispettano e temono, permettendo così di curiosare nello stile di vita del gangster siciliano ma d'oltre oceano. Agli occhi del mondo quello della cittadina siciliana diventava uno dei luoghi più temuti al mondo anche da chi non ne aveva mai sentito parlare. Ma Corleone fu veramente teatro di fatti sanguinosi i cui protagonisti hanno segnato la storia d’ Italia e anche se le riprese furono fatte altrove e il padrino è soltanto un film, la cittadina siciliana subì un brutto contraccolpo per il danno d'immagine che ne conseguì a livello mondiale.


 
 
Se da un lato Corleone reagisce ancora oggi sostenendo progetti pro legalità dall’altro bisogna registrare l'aspetto incredibile del dietro le quinte di uno dei film più conosciuti al mondo cioè l’enorme ripercussione in termini di business mondiale e turismo sui luoghi di mafia a dispetto di chi vorrebbe andare avanti e vedere ripulito il nome della cittadina in cui comunque questo tipo di arrivi è impossibile negarlo genera introiti. Diventa così molto facile trovare anche online proposte di “tour sui luoghi di mafia”.


 
 
A questo però fa da sfondo la bellezza del luogo. Dal punto di vista turistico infatti Corleone è anche una magnifica località d'arte i cui scorci emanano un mistero che si perde nella notte dei tempi. Camminando tra le sue strade ogni angolo trasuda un passato lontanissimo fermo nel tempo incapace o riluttante a immergersi nell’ inevitabile presente.


 
 
Inoltre Corleone essendo nell'entroterra palermitano vanta la possibilità di raggiungere luoghi poco conosciuti dagli avventori del turismo di massa se non ai siciliani stessi. Luoghi come la cascata delle due rocce.
 
Il parco naturale della cascata si trova a poca distanza dal centro storico della città. Attraversando il quartiere San Giuliano si giunge davanti la chiesa dedicata alla Madonna delle due rocche. Da qui comincia dopo un dedalo di viuzze, tra molte specie di bellissimi alberi, il percorso che porta alle cascate. Uno spettacolo d’acqua a due passi dal centro diventa quasi un monumento nascosto tutto da scoprire. La vegetazione che ricopre le rocce e il vapore creato dall’acqua nel suo scorrere per poi gettarsi nel vuoto creando le cascate e da cui si generano bellissimi arcobaleni, dà vita ad una moltitudine di colori.
 
 
Cosa fare: EVENTI A CORLEONE
 
 
Il Carnevale di Corleone tra sfilate e maschere
 
Edizione 2019 - 28 febbraio / 05 marzo Corleone (PA)
 
I riavulicchi, allegre e spiritose figure "demoniache" ricoperte di campanelli e campanacci che impazzano per le piazze precedute dal suono del corno, sono le maschere tipiche del Carnevale di Corleone. Il martedì di carnevale avviene l'inseguimento del porcu frisatu, un porcellino che viene lasciato libero per essere poi catturato nello spazio dei giardini pubblici, retaggio di un’antica festa pagana. La festa si conclude con il ballo in maschera nella piazza prospiciente il Municipio. Seguirà il “rituale del nannu". Per maggiori informazioni 09184524100
 
 
Festa di San Leoluca di Corleone
 
Il santo Patrono - 1° marzo e ultima domenica di maggio Corleone (PA)
 
Anche il primo marzo di quest'anno Corleone festeggia la nascita di San Leoluca, suo Santo Patrono, un abate basiliano vissuto in Calabria più di mille anni fa. La statua del Santo attraverserà come di consueto le principali vie del paese, seguito dalla sua confraternita, dalla banda musicale e da tanti fedeli. E la sera saranno accese le consuete "luminiane" (i falò) in tante strade e piazzette, con la legna (prevalentemente, ramaglie di ulivo) ammassata dai giovani devoti in precedenza.



Nessun commento

eXTReMe Tracker

Segnala Sicily Tourist ad un amico!Inserisci l'indirizzo e-mail:


Siti Consigliati:

Torna ai contenuti