Parco Archeologico Selinunte e Cave di Cusa - Castelvetrano - Trapani -

Seguici anche su:
Vai ai contenuti

Parco Archeologico Selinunte e Cave di Cusa - Castelvetrano - Trapani -

SicilyTourist.com Il Turismo in Sicilia
Pubblicato da Sicily Tourist in Trapani e Provincia · 22 Novembre 2022
Una gemma preziosa, armoniosa sintesi di storia, cultura e sicilianità. Storia millenaria, culla degli eroi omerici, dimora dei Giganti e degli Dei: vivi il Mito, respira a pieni polmoni la Leggenda, tuffati in un mare dai mille riflessi smeraldo e turchese. Corri sulla soffice sabbia d'oro contro il vento africano dello Scirocco, che intona vecchi e nuovi canti, e come le sirene di Ulisse, ti farà innamorare di Selinunte: e vorrai restare per sempre.



Si tratta di uno dei parchi archeologici più grandi e importanti del mondo, coi suoi 270 ettari a Selinunte, più i 60 delle Cave di Cusa. Al suo interno si trovano imponenti strutture templari: sulla collina orientale il tempio G (o di Zeus), uno dei più grandi templi realizzati dai Greci, ed i templi E (o di Hera), tra le più pure espressioni dell’arte dorica, ed F; sull’Acropoli (dove si può notare ancora il sistema viario di tipo ippodameo) i templi A, O, B, C (o di Apollo), D, Y. A nord, si trova l’abitato, con l’Agorà, recentemente portata alla luce, e la tomba dell’ecista. Ad ovest si trovano il battistero bizantino, il piccolo santuario di Hera Matronale, quello grande di Demetra Malophoros, con il tempietto di Zeus Meilichios, la fontana della Gaggera e l’Antiquarium, il cosiddetto “tempio” M e le necropoli. L’area archeologica delle Cave di Cusa si trova a 13 Km circa da Selinunte, S.P. Tre Fontane, nel territorio di Campobello di Mazara (TP). Si tratta delle cave di calcarenite, estese per circa 2 km, dove venivano estratti i rocchi di colonna per le costruzioni templari di Selinunte.



Situato sulla costa sud-occidentale della Sicilia, a pochi chilometri di distanza da Castelvetrano (nella provincia di Trapani), questo sito racchiude al suo interno i ruderi di un'antica città greca (Selinunte, per l'appunto), conquistata dai cartaginesi intorno al 200 a.C. e, successivamente, vittima di occupazioni e distruzioni da parte di diversi popoli del Mediterraneo. Istituito dalla Regione Siciliana nel 2013, oggi il parco si presenta con un'estensione di circa 270 ettari e una gran varietà di aree visitabili: con gli oltre 70.000 turisti annuali, è uno dei siti archeologici più frequentati della Regione.
.


I TEMPLI DELLA COLLINA ORIENTALE
Una visita che è ancor meno di una toccata e fuga, che prevede soltanto l'esplorazione dell'area immediatamente antistante l'ingresso principale del Parco. Questo itinerario prevede infatti, come unica tappa, la Collina Orientale, ovvero i Templi E, F e G. Sebbene molto breve, è comunque una visita molto suggestiva in quanto, in una singola tappa e con una percorrenza brevissima, permette di vedere il Tempio E, quello in migliore stato di conservazione di tutta l'area archeologica, e il Tempio G, quello che, pare, sia stato il più grande di tutta l'archeologia ellenica.



I TEMPLI DELL'ACROPOLI
Questo itinerario include soltanto la visita dell'Acropoli, il punto più alto dell'antica Selinunte, che si affaccia direttamente sul mare offrendo una vista mozzafiato. In questo percorso, che dall'ingresso principale del Parco richiede circa 2 km di passeggiata, vedremo i resti dei templi dei Dioscuri Castore e Polluce (Tempio A ed O) e le rovine dei Templi C e D, intitolati rispettivamente ad Apollo e Atena. Del Tempio C è visibile il lato nord, con 14 colonne ancora in piedi delle 17 totali. Di particolare importanza, in quest'area, è anche il Tempio R, appena scoperto a ridosso del Tempio C, e oggetto di studio dell'Università di New York. Inoltre, procedendo verso Nord, prima di arrivare al Pianoro della Manuzza, sono visibili i resti dell'impianto urbanistico dell'epoca punica di Selinunte, e due quartieri della città. Infine, prima dell'abitato della Manuzza, le fortificazioni a difesa dell'Acropoli.



I TEMPLI DELLA COLLINA ORIENTALE E DELL'ACROPOLI
Questo itinerario prevede una visita alle aree di maggiore rilievo all'interno del Parco Archeologico, pur non esaurendone tutti i luoghi di interesse. Il percorso di circa 2,5/3 km dall'ingresso principale si sofferma sui 3 templi della collina orientale: i Templi E, F e G; attraversando poi tutta l'area della collina, raggiunge l'Acropoli, con la visita dei Templi A ed O, C e D. Inoltre, procedendo verso Nord, prima di arrivare al Pianoro della Manuzza, sono visibili i resti dell'impianto urbanistico dell'epoca punica di Selinunte, e due quartieri della città. Infine, prima dell'abitato della Manuzza, le fortificazioni a difesa dell'Acropoli.



COLLINA ORIENTALE, ACROPOLI, MALOPHOROS E COLLINA DELLA MANUZZA
Questo itinerario comprende tutte le 4 principali aree di interesse del Parco Archeologico, e si sviluppa su un percorso di oltre 5 km. Tra i tempi di percorrenza e le soste per le visite a templi e aree archeologiche, la durata stimata è intorno alle 4 ore. E' importante quindi munirsi di acqua, cappellini o ombrelli da sole e, naturalmente, buona volontà. Partendo dall'ingresso della Collina Orientale, visiteremo il trittico di templi E, F e G. Da qui saliremo verso l'Acropoli, con i templi A ed O, C e D,e i recenti scavi del Tempio R. Procederemo verso Ovest, per raggiungere il Santuario della Malophoros sulla Collina della Gàggera, per visitare il primo luogo di culto dell'area; il percorso termina con la Collina della Manuzza, per vedere i resti dell'abitato selinuntino con gli schemi urbanistici ancora visibili.

Come arrivare:
il Parco Archeologico di Selinunte dista da Castelvetrano circa 13km (ovvero, meno di 20 minuti di auto). Arrivando da Palermo, basta seguire la A29 fino a Mazara del Vallo per poi imboccare l'uscita per Castelvetrano e seguire a sinistra in direzione Marinella di Selinunte. Arrivando da Trapani, invece, è consigliabile uscire a Castelvetrano, subito dopo lo svincolo per Segesta, per poi proseguire per Marinella di Selinunte - Ottieni indicazioni
Orari: tutti i giorni, dalle 9:00 alle 18:00 (per le sole Cave di Susa, invece, l'ingresso è dalle 9:00 alle 13:00)
Costo biglietto: €6,00 a persona
Riduzioni: €3,00 a persona. Gratis fino ai 18 anni e ogni prima domenica di ogni mese.

Guarda il bellissimo video del Parco



eXTReMe Tracker

Segnala Sicily Tourist ad un amico! Inserisci l'indirizzo e-mail:


I NOSTRI PARTNER UFFICIALI:
by SICILYTOURIST
Torna ai contenuti